“Quack light” su Topolino…evoluzione dell’industria del “fumetto”

In principio, fu la “topolinizzazione” o “paperizzazione” dei personaggi famosi (Vincenzo Mollica, Ronaldo etc). Contemporaneamente, si notò  l’ambientazione delle storie in “contesti” più o meno riconoscibili (i Mondiali di calcio, le Olimpiadi, il Festival di Sanremo).  Poi, arrivò la vera e propria svolta: un nuovo formato grafico a mo’ di metropolitana (quindi, neanche a dirlo, molto “underground”), un occhio ancora più attento alle diverse rubriche di dialogo con i lettori, e, last but not least, l’invasione di storie riprese da fiction o telefilm di successo in tv (Paperina di Rivondosa, Dr. Mouse).

“Topolino” è cambiato. Lo noto con piacere da mesi, anni forse, visto che con questo giornalino sono cresciuta e continuo a seguirlo grazie a mia sorella, anche lei appassionata lettrice.

E’ cambiato, e riesce a stare al passo con i tempi, intercettando (e indirizzando) desideri e bisogni del target di riferimento.

Business is business: sono ormai lontani i tempi in cui si poteva leggere la trasposizione a fumetti del film Disney uscito in contemporanea al cinema (ancora, fino ad “Hercules” e “Mulan” era possibile farlo)…oggi, il giornalino è attento a disseminare “chicche” sul prodotto cinematografico in uscita ma ancor di più a non interferire con le strategie di marketing aziendale (diventate sempre più raffinate per la WaltDisney che è ormai una delle multinazionali più importanti al mondo).

Così, spunta “Quack light”, parodia IRRESISTIBILE del film “Twilight” ispirato al romanzo della Meyer. Una parodia davvero deliziosa, in cui spuntano tutte le incoerenze (soprattutto in fase di montaggio e di trasposizione) del film, e in cui i processi narrativi del “come ti costruisco una storia” vengono schiaffati in faccia ad un lettore che non più ingenuo come ai miei tempi, sa riconoscere perfettamente il meccanismo e farsi 4 risate…

Ripeto, non è la prima volta che “Topolino”  fa una parodia, ma questa di “Twilight” assume, a mio avviso, un significato particolare, se consideriamo che “Eclipse”,  il terzo film della saga, è un diretto concorrente, al botteghino, di “Toy Story 3” (della Walt Disney-Pixar). E proprio Toy Story 3 giganteggia in copertina e viene chiamato “il film dell’estate”, con ovviamente tutto un approfondimento all’interno del giornalino sui segreti della lavorazione, i personaggi e chi-più-ne-ha-più-ne-metta…

“Topolino” è cambiato, e riflette in pieno i meccanismi della sempre più matura industria culturale del “fumetto”.

Annunci

One thought on ““Quack light” su Topolino…evoluzione dell’industria del “fumetto”

  1. Pingback: Frédéric Martel alla fiera di Torino…quanto fa un titolo… « Sguardi e prospettive

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...