Eleganza, classe, levitas: Loretta Goggi a Catonateatro… che Spettacolo!

Uno Spettacolo. Tale è stata la performance della Goggi, in scena ieri sera a Catonateatro con il suo “SPA-Solo per amore”.

Interpretazioni canore da brivido (con grandi rivisitazioni dei classici romani, napoletani e della musica leggera), monologhi mai banali, intermezzati da coreografie che ricordano il bel Varietà del tempo che fu.

Chi scrive appartiene ad un altra epoca rispetto a quella dei Rascel e Rabagliati, sebbene abbia sentito le loro canzoni milioni di volte, pur non sapendone riconoscere gli autori. La forza della Goggi è stata omaggiarli facendone risaltare tutta la loro contemporaneità, non mummificandoli all’insegna del “come eravamo” ma facendoli rivivere per quello che sono: classici senza tempo.

E poi, l’interazione con il pubblico, un’interazione volta non a mortificare (come troppe volte accade negli spettacoli dei cosiddetti “comici”) lo spettatore ma ad instaurare un dialogo tra pari, esaltando “l’interattività naturale” del teatro.

Eleganza: cioè, etimologicamente, saper scegliere. Non solo vestiti, ma il Vestito/habitus da indossare sempre e in qualunque occasione. Un Vestito di garbo, gratitudine verso gli altri (centinaia di volte a ringraziare i musicisti e i ballerini), capacità di dare spazio.

Mi ha colpito infatti la scelta di fare emergere sia Stefano Bontempi che Erika Puddu non come “controfigure” o come “tappabuchi” della protagonista, ma come figure in dialogo con la Goggi, sia nel canto che nel ballo.

Da qui, mi viene in mente il famoso litigio con Bongiorno (pace all’anima sua) che in termini di generosità nei confronti degli altri in un suo show non era particolarmente famoso…

La Goggi ha una visione tutta sua dell’arte del palcoscenico. Non solo eleganza, classe, ma levitas: leggerezza nel senso migliore del termine (la leggerezza alla Calvino per intenderci), per dimostrare che si può ancora fare una performance divertente ma non volgare, coinvolgente senza “lecchinaggi”.

La Goggi canta (e con che voce!), recita, e tiene ancora il palcoscenico indiavolata. Eppure, lei dice per scelta (ma è una scelta un po’ forzata) è fuori dai “grandi circuiti”,  primo fra tutti la tv, che si ostina a voler proporre (con tutto il rispetto) la Balivo, la Isoardi e compagnia, ripescando la Venier e Magalli e “dimenticando” personaggi a tutto tondo come la Goggi.

Che in un one-woman-show (ma anche accompagnata da un talento emergente, in modo da avviare un interessante confronto generazionale) avrebbe tante cose da dire…

Annunci

3 thoughts on “Eleganza, classe, levitas: Loretta Goggi a Catonateatro… che Spettacolo!

  1. ho assistito anche io allo spettacolo della Goggi e concordo in pieno all”apprezzamento dell”artista e della donna piena di umanità e generosità anche e sopratutto verso i colleghi,difficile cosa nello spettacolo, una grande vera signora.La tv la dimentica, è vero,ma la tv di oggi non la merita.
    rosaria todaro

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...