Un giallo anomalo: “La donna di Parigi” di Donato Bendicenti

la-donna-di-parigi-libro

Il testo che segue è tratto dal mio invito alla lettura distribuito durante l’incontro con l’autore ai Caffè Letterari del Rhegium Julii il 24 luglio 2007.

Graffiante, intelligente, avvincente. Donato Bendicenti debutta nel mondo del romanzo con un giallo dall’intreccio ben costruito, apparentemente cinico, ma, dalla sottile analisi psico – introspettiva.

Il ritrovamento di un cadavere di donna con il volto sfigurato e la contemporanea scomparsa dall’albergo di un’italiana, Ludovica Ferradini, con tanto di biglietto d’addio destinato all’ex-fidanzato, Pietro Soprani,  non sono solo gli eventi che avviano la narrazione ma diventano gli elementi di un’indagine molto più ampia, che coinvolge insieme indagati ed investigatori.

Soprani, infatti, accetta di collaborare con il commissario Forsans alla soluzione del caso (o dei casi?), ed è proprio dall’alternarsi dei loro punti di vista che il lettore apprende i risvolti degli avvenimenti, e approfondisce la conoscenza dei due, per caso e per necessità destinati ad interagire sempre di più, sia dal punto di vista professionale che umano.

Si snodano così molteplici sentieri narrativi che rafforzano l’intreccio ed aumentano lo spessore e la profondità dell’analisi dei personaggi. L’ autore, infatti, non sceglie la facile via di un giallo infarcito di violenze e brutalità in quanto tali, né di rocamboleschi inseguimenti o inverosimili spostamenti ed intuizioni; bensì, racconta le debolezze e i punti di forza di uomini del nostro tempo, non supereroi, e i loro modi di affrontare i problemi e le situazioni più o meno ordinarie della vita, tra estremismi e compromessi, lavoro e vita privata, amori e delusioni, cinismo e slanci d’umanità, rassegnazione e voglia di vivere.

Uno spaccato coinvolgente ed un po’ amaro, un ritratto della nostra epoca all’insegna del verosimile, con sullo sfondo una Parigi minuziosamente ritratta nelle vie e nei cafè e tuttavia sfuggente, come avvolta dalla nebbia che pervade tutto il romanzo.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...