Un logos sul logos: “Lo spagnolo senza sforzo” di Gabriele Pedullà

lo-spagnolo-senza-sforzo

Il testo che segue è tratto dal mio invito alla lettura distribuito durante l’incontro con l’autore, vincitore dell’edizione 2009 del Premio “F. Seminara” organizzato dal Rhegium Julii.

“Lo spagnolo senza sforzo” è il titolo dell’ultimo dei cinque racconti che compongono il libro di Gabriele Pedullà, un libro che però non è una raccolta di racconti. Come un prisma dalle innumerevoli facce, l’opera manifesta la propria totalità nella molteplicità delle storie narrate.

Un “logos sul logos”, dove logos va inteso nella sua radice etimologica, “lego”, (quindi “legare”), oltre che nella sua accezione traslata più diffusa, “parola, discorso”. Dunque un “discorso sulla parola” ma anche un “discorso sui legami” il libro di Pedullà, legami tra persone che interagendo s’incamminano per dove non sapevano di voler o di dover arrivare…legami che passano per le parole, ma non solo, e sono molto di più.

Lo sa bene Lele, catapultato per una vacanza estiva sull’isola di Stromboli dove incontrerà Lula, esotica perché irrimediabilmente tedesca, e con lei intreccerà una relazione dove le lezioni di italiano diventano strampalati giochi linguistici sotto le lenzuola; lo sa bene Stefania, ragazza all’antica e studentessa perfezionista, che di fronte a Miranda, sua compagna di corso, è imbarazzata non tanto la cecità ma per la forte personalità di lei e perché teme che, senza farsi distrarre dalle parole, possa guardarla dentro; lo sanno bene anche Mara e Michele, coppia solida al traguardo dei venti anni di matrimonio, che scopriranno cosa si nasconda dietro la parola “Frantic” oltre la loro passione cinematografica.

Ogni racconto è modellato sulla caratterizzazione del protagonista o dei protagonisti; il lettore vede la realtà con gli occhi del personaggio, vi si cala completamente e nello stesso tempo coglie gli indizi che qua e là l’autore dissemina sapientemente per condurci ad un finale che, come un coup de theatre, svela tutti i dubbi e getta luce nuova sull’intero racconto.            

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...