Il Salone del Libro di Torino via Twitter e Fb…perplessità…

Esigenze universitarie non mi hanno consentito (le lamentazioni ve le risparmio) di partecipare alla Fiera del Libro di Torino di quest’anno (mi piace di più chiamarla Fiera e non Salone, ma sarebbe una parentesi troppo lunga spiegare il perchè)…

Ebbene, mi trovo a seguire via Fb i tweet ufficiali della rassegna, e mi sembrano di una banalità sconcertante: il problema è dei 140 caratteri, di un’informazione che così estremizzando la componente digitale (nel senso meccanico, di trasmissione su canale) va più per la sintattica che per la semantica, o cosa?

Perché l’alternativa sarebbe pensare che davvero le uniche cose interessanti sono quelle ritrovo scritte… E non ci credo, perché quando ci vado personalmente spunti se ne trovano a bizzeffe, e vanno ben oltre frasi come “quando i partiti perdono le elezioni è sempre per un difetto di comunicazione” o “si diventa realmente scrittori quando si smette di pensare di essere scrittori”…

Sembra una stupidaggine, ma probabilmente può indurre una riflessione all’uso che si fa dei new media (anche perchè i canali ufficiali via Twitter saranno quelli da cui i quotidiani prenderanno spunto per i titoli degli articoli, etc etc…)

E siccome non credo a “social network oppio dei popoli” e compagnia, mi domando…

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...